La speranza che accompagna l’inizio del secondo giorno di Metal for Emergency è forse quella di vedere aumentare i fan in maniera sostanziale non solo per onorare la tappa italiana dei Rage ma anche per dimostrare che la scena italiana esiste e pulsa nella passione dei suoi tanti fan. Fin dalle 17.30 il parcheggio assolato è fortunatamente già colmo di spettatori, il che preannuncia che la giornata sarà vissuta in modo più appassionato di ieri.

Nell’ampia estate musicale bergamasca, il Metal for Emergency festeggia la sua quinta edizione di attività presentando un bill che lascia spazio innanzitutto a band emergenti nostrane per poi puntare su dei nomi stranieri di portata internazionale. L’anno scorso il main act è stato occupato dagli Iron Savior e dai Gamma Ray. Quest’anno il posto di headliner è stato concesso agli Angel Witch e ai Rage nelle giornate di venerdì e di sabato rispettivamente.

Il sole splende sulla pianura di Bagnatica durante il terzo e ultimo giorno del Fosch Fest. I fan hanno fatto festa tutta la notte e barcollano stremati dalla stanchezza dal campo tende verso l’ingresso del festival di primo pomeriggio.

Quest’oggi il main act è imperdibile e sarà occupato dalle divinità del Black Metal scandinavo Satyricon.

Di notte presso il campo tende si odono cori alpini, risate a crepapelle e si continua a fare baldoria bevendo birra e idromele. Di primo pomeriggio arriva una nuova schiera di metallers che sono stati attratti dai nomi dei Kampfar e dei Carcass in cima al bill di oggi.

Inizia quindi la seconda giornata del Fosch Fest, e si fa subito sul serio.

È passato un anno da quando noi di IronFolks abbiamo rievocato l’atmosfera del Fosch Fest, raccontando le esperienze vissute nelle varie edizioni dal reporter, dal fotografo, dal fan e dal musicista. Naturalmente, tutti noi abbiamo gioito quando abbiamo letto un post Facebook  comparso la sera del 27/11/2014: “Fosch Fest: We Are Back!”.
Eravamo impazienti di tornare al Fosch, di vedere cosa avremmo ritrovato e cosa sarebbe cambiato. Ora possiamo raccontarvi com'è andata.

Il piccolo comune bergamasco di Cenate Sotto torna a incendiarsi sotto le fiamme che vengono sprigionate dal festival Metal For Emergency. La rassegna si è guadagnata un nome di prestigio grazie alle esibizioni che sono state regalate in passato da band come i Primal Fear, i Grave Digger, i Mägo de Oz e i Rhapsody of Fire ed è pronta per raggiungere dei livelli ancora più elevati durante la decima edizione del 2015. Venerdì 17 luglio IronFolks non ha potuto purtroppo coprire l’evento con i suoi reporter ma ha strappato qualche istantanea grazie al lavoro puntuale che è stato condotto dal collega Yuri Minghini. Sabato 18 luglio il sottoscritto ha avuto modo di unirsi allo sforzo fotografico di Yuri per restituire un racconto anche scritto dello spettacolo.

In Italia il metal non è mai stato un genere di particolare rilievo. Probabilmente è per questo che vi sono nomi che, pur avendo fatto la storia del metal, sono passati solo di rado a suonare sul suolo del bel paese. Proprio tra questi nomi figura quello dei Fates Warning, padri fondatori del metal insieme a  Queensrÿche e Dream Theater. Fa quindi piacere sapere che un locale come il Colony di Brescia li ha messi in programma per il secondo anno di fila, ospitando nella serata di domenica 9 novembre una delle date del tour che vede i Fates Warning cavalcare i palchi d’Europa insieme agli Headless (e che li aveva portati giusto la sera prima all’Audiodrome Club di Torino).

Ore 20 di martedì 14 ottobre, al Colony di Brescia: quella che sta per iniziare è una serata dedicata al Folk Metal nelle sue più svariate sfaccettature. Tre band di tutto rispetto stanno per salire sul palco del locale. Così, quando i Nothgard iniziano a suonare, tutti presenti in sala si precipitano sotto al palcoscenico, avidamente assetati di Folk Metal.

Dopo una notte trascorsa negli accoglienti ostelli convenzionati, un’altra tempesta Heavy Metal s'appresta a distruggere la pianura di Cenate Sotto. Sabato 19 luglio i cancelli sono aperti già dalle 17 e tanti appassionati barcollano stanchi dal giorno prima, mentre altri arrivano freschi per partecipare al botto.

All’imbocco della Val Cavallina, dove la civiltà bergamasca ha lasciato antiche tracce paleolitiche e costruito affascinanti castelli medievali, il piccolo comune di Cenate Sotto si affolla di migliaia di metallari in occasione del Metal for Emergency, all’interno della più ampia settimana targata Music for Emergency, evento a ingresso gratuito votato alla raccolta di fondi per scopi benefici. In un enorme tendone, i volontari dell’associazione locale no-profit BDK servono fino a sera tarda birre, pizze, torte, grigliate, casoncelli: tutto gustoso e a prezzi abbordabili. Dall’altro lato del campo sportivo, il parcheggio è occupato dal piccolo e ben gestito palco, reso prestigioso dagli spettacoli offerti in passato da Folkstone, Primal Fear, Grave Digger, Elvenking e Trick or Treat. Alle 19,00 di venerdì 18 luglio, i primissimi fan cominciano a curiosare tra merchandise e dischi ai vari stand. Nel frattempo, si mette a punto il sound-check.

Dopo il memorabile riscontro della prima edizione, il Folk Metal Festival di Malpaga si ripresenta in ben due serate: l’1 ed il 2 agosto 2014. Dirimpetto al castello quattrocentesco, sorto in commemorazione del condottiero bergamasco Bartolomeo Colleoni, il prato ospita un palco coperto e due tendoni sotto cui i volontari del Gruppo Giovani rifocillano i campeggiatori e gli avventurieri con pizze, piatti bergamaschi e birre: tutti ottimi, a prezzi giusti e disponibili 24h24.