Riceviamo e pubblichiamo:

I torinesi Gotland hanno annunciato che il 29 Dicembre (tramite l'etichetta Extreme Metal Music) verrà rilasciata la loro cover di Call From The Grave dei Bathory. Questo il commento della band:
 
Abbiamo già suonato questa cover live nelle date dedicate al nostro anniversario e, vista la fantastica risposta dal pubblico, abbiamo deciso di inciderla e pubblicarla! Per noi è stato ancora più importante scegliere questo brano, perché è uscito esattamente trent'anni fa, contenuto nell'album "Under the Sign of the Black Mark" (del 1987 appunto). È stata quindi l'occasione perfetta per tributare una delle band che ci ha ispirato di più e, allo stesso tempo, fare un piccolo regalo a chi ci segue da ormai dieci anni!
 

Jolly Roger Records ha comunicato una nuova uscita per ravvivare questo Halloween:

HumanasH "Reborn from the Ashes"

(uscita in Red Lp+Cd, Lp+Cd, Cd, Digitale)

Trattasi di un Heavy Metal horror-concept mini album (22 minuti) nato da un'idea di John Goldfinch (voce della cult band L'impero delle ombre).

Come ospite d'onore Steve Sylvester (Death SS) sulla prima traccia.

Disponibile da venerdi 17 Novembre sul mailorder JRR, pre-ordini dal 31 Ottobre.

"Questo lavoro arriva da lontano, da una mia vecchia idea,
da un concetto di profondo e puro amore per l'Heavy Metal, un genuino sentimento di appartenenza ai suoi valori... è dedicato allo spirito dei Metal teen-agers, nostro e di tanti altri come noi, agli anni migliori di sempre con le chitarre distorte ed i ritmi
forsennati che ci ronzavano nella testa!" — John Goldfinch

Tracklist:

  1. Evil Metal Obsession
  2. Night Adventure in a Desecrated Church
    (Videoclip: https://www.youtube.com/watch?v=Muc5lkiSG1U)
  3. The Nightmare Begins
  4. Reborn from the Ashes
  5. The Liberation of the Cursed Spirit
  6. Eternal Darkness of Being

Line-up:

  • John Goldfinch - Vocals
  • Gabriel Goya - Lead and Rhythm Guitar
  • Francis Probus - Lead and Rhythm Guitar
  • Nicholas Lestat - Bass
  • Peruvian - Drums

3 audio tracks streaming & preorders:

http://www.jollyrogerstore.com/release.php?id=70

I Folkstone, alfieri bergamaschi del Folk Rock, pubblicheranno il loro quinto album il 3 novembre, a tre anni di distanza da Oltre... L'Abisso.

Read more ...

I Death SS, headliners dell'appena conclusosi MetalItalia Festival, hanno chiuso il fantastico concerto del quarantennale con un annuncio apparso sul megaschermo accolto da una bordata di applausi.

Read more ...
Humanash - Reborn from the Ashes

ETICHETTA: Jolly Roger

CITTÀ: Gallipoli (Italia)

GENERE: Heavy Metal

LINE UP:

  • John Goldfinch (voce)
  • Gabriel Goya (chitarra)
  • Francis Probus (chitrra)
  • Nicholas Lestat (basso)
  • Peruvian (batteria)

È sempre spiacevole constatarlo, ma una delle caratteristiche del popolo italiano divenute purtroppo peculiari è l'esterofilia.

Incubato una settantina di anni fa - e per un certo tempo in parte giustificabile - questo devastante virus si è riprodotto in maniera esponenziale, tanto che ancora oggi qualsiasi cosa provenga dall'estero viene giudicata inevitabilmente migliore rispetto all'omologa nazionale, salvo rare eccezioni. Tale assurdo preconcetto non ha ovviamente risparmiato l'arte, ambito in cui a pagare le conseguenze più gravi è da sempre la musica, non tanto nelle sue espressioni più nazionalpopolari (come Gigi D'Alessio, Ligabue o Il Volo, che purtroppo ci ritroviamo in casa ma che hanno validi concorrenti oltreconfine) quanto per quei musicisti impegnati in generi allogeni, in primis il rock ‘n' roll con tutti i suoi derivati, heavy metal compreso.

Read more ...

ETICHETTA: Nuclear Blast Records

CITTÀ: Raleigh, North Carolina (USA)

GENERE: Hard Rock

LINE UP:

  • Pepper Keenan (voce, chitarra)
  • Woodroe Weatherman (chitarra)
  • Mike Dean (basso, voce)
  • Reed Mullin (batteria, voce)

I Corrosion of Conformity sono tornati. E legnano di brutto.

È dal 2005 che non avevamo un disco della band americana con Peeper Kennan dietro al microfono e il ritorno dello storico frontman del gruppo non ha deluso le aspettative: si è finalmente tornati alla formazione storica, la line-up che ha inciso quel mai troppo decantato Deliverance nel lontano 1994. Dopo la reunion del 2014, abbiamo finalmente tra le mani No Cross No Crown, album rilasciato sotto Nuclear Blast e prodotto da un pezzo da 90 come John Custer, de facto il quinto membro della band.

Read more ...
Haegen, Immortal Lands

ETICHETTA: Cimbarecord

CITTÀ: Bologna (Italia)

GENERE: Hard Rock

LINE UP:

  • Maurizio "Evil Mala" Malaguti (voce)
  • Alessio "Amos" Amorati (chitarra)
  • Federico "Freddy V" Veratti (chitarra)
  • Gabry "The King" Ravaglia (basso)
  • Andrew Gunner (batteria)

Non potete immaginare la mia espressione quando ho letto che i Rain avrebbero inciso una cover di Disperato Erotico Stomp. Innanzitutto, si tratta di un brano di Lucio Dalla che amo molto; in seconda istanza, coltivo una simpatia personale verso il gruppo dai tempi del Metal For Emergency dell'anno scorso, sul palco con l'arduo compito di supportare Pino Scotto. Gente in gamba, 'sti bolognesi.

Read more ...
Haegen, Immortal Lands

ETICHETTA: Autoprodotto

CITTÀ: Osimo (Italia)

GENERE: Folk Metal

LINE UP:

  • Leonardo Lasca (main vocals)
  • Samuele Secchiaroli (chitarre)
  • Federico Padovano (flauto, voce)
  • Eugenio Cammoranesi (tastiere, voce)
  • Nicholas Gubinelli (voce)
  • Tommaso Sacco (batteria)
  • Pablo Guaraschi (basso)

Ah, il folk metal, terra di passioni e (molto spesso) universo particolarmente lo-fi, molto diretto ma poco raffinato. Una filosofia rappresentata in pieno da Immortal Lands, se proprio devo rivelare cosa ne penso in anticipo.

Read more ...
Phoenix Again 2017

Se esiste un genere in grado di raccogliere sé infinite tipologie di voci, suoni e inclinazioni, questo è il progressive rock. Dapprima la Gran Bretagna e poi Germania, Francia e Italia sono state le nazioni che hanno visto nascere e svilupparsi questa forma di espressione musicale che come nessun'altra può vantare sfumature tanto diverse: dalla scena di Canterbury al krautrock, dalle trame più complesse dell'elettronica a quelle più estreme del metal, quello del prog è un universo sonoro nato guardando verso il futuro (come già si evince dal nome) ma con radici ben salde nel passato, inteso come folk,  rock 'n' roll, e - soprattutto - musica classica.

Read more ...
Eluveitie 2017

Dopo due anni di assenza torno a scrivere su Ironfolks.net. E la nostra caporedattrice mi chiede se ho voglia di intervistare gli Eluveitie. Ore 18.10 al Campus Industry Music di Parma. Risultato: mercoledì alle 17.02 ero già davanti al locale, emozionato come uno bimbo al suo primo giorno di scuola. Perché un conto è intervistare una band famosa. Un altro è intervistare una band a cui hai guardato con ammirazione per anni, e che alle superiori ti ha aperto una porta sul magico mondo del folk-metal (mi riferisco ai tempi di Evocation I: The Arcane Dominion, dell'ormai lontano 2009).

Domande pronte, eccitazione e ansia da prestazione alle stelle: chiamo il loro manager Rafael, un ragazzo dall'aria gentile e dai modi molto educati.

Mi accompagna sul pullman della band, dove potrò parlare con Chrigel Glanzmann (voce, whistle, mandola, cornamuse e bodhran), Matteo Sisti (whistles, cornamuse e mandola) e Fabienne Erni (voce, arpa celtica e mandola). Attendo che il giornalista prima di me finisca. Salgo.
I membri degli Eluveitie mi accolgono sorridendo e offrendomi da bere. Mi sento subito a mio agio. Le ansie svaniscono e inizia la nostra chiacchierata:

Read more ...

Nell’ormai lontano 1992 i negozi di dischi più attenti alle novità misero a disposizione dei loro clienti uno dei pochi album in grado di lasciare realmente un segno indelebile nella storia della musica. Si trattava di Blues For The Red Sun, terzo album di una sconosciuta formazione californiana chiamata Kyuss e atto di nascita ufficiale del genere che verrà poi chiamato Stoner Rock. In 25 anni lo stoner ha dimostrato di potersi evolvere anche al di fuori delle canoniche coordinate stilistiche e sonore - muovendosi sia in direzione delle primordiali strutture a suo tempo create dai Black Sabbath, sia verso dinamiche maggiormente orientate alla psichedelia - superando nel contempo anche eventuali limiti geografici, visto che praticamente in ogni parte del mondo sono nate band di grande valore. E, una volta tanto, anche l'Italia non se la cava male, grazie a una scena composta da etichette piccole ma agguerrite e da gruppi dalle grandi potenzialità, come ad esempio gli Humulus, trio lombardo nato nel 2009 e arrivato al terzo lavoro in studio (dopo l'omonimo esordio e l'EP Electric Walrus, rispettivamente datati 2012 e 2015), un album intitolato Reverently Heading Into Nowhere (o R.H.I.NO.), pubblicato lo scorso marzo e qui presentatoci da Andrea Van Cleef (voce, chitarra, synth) e Giorgio Bonacorsi (basso), che insieme a Massimiliano Boventi (batteria) compongono una delle formazioni più promettenti del panorama stoner continentale.

Read more ...

Negli ultimi anni, più volte mi sono trovato a parlare con musicisti e addetti ai lavori dell’eccesso di offerta musicale dovuto all’esplosione di Internet. YouTube, Bandcamp, SpotifyiTunes e un’infinità di siti e piattaforme hanno permesso a chiunque di mostrare al mondo la propria musica, causando però una paradossale saturazione che rende sempre più difficile individuare gli artisti realmente validi. Come dico abitualmente, per trovare qualcosa di buono bisogna inciamparci. Ma quando capita, la soddisfazione è davvero tanta.

Read more ...

Il successo del Live Club di Trezzo sull’Adda (MI) proviene dal fatto di saper riporre una particolare e costante attenzione alla variazione e all’aggiornamento della sua proposta artistica. In oltre venti anni di attività, la venue si è così costruita una reputazione di assoluta eccellenza ingaggiando gli artisti più in vista del Pop, del Rock e dell’Heavy Metal. E il 01/12/2017 sarà ricordato come il giorno di una delle tappe di un tour il quale sta sbancando i botteghini di decine di locali in tutta europa. Stiamo parlando infatti della data del trittico di superstar del Thrash Metal che comprende i Death Angel, gli Annihilator e i Testament!

Read more ...

Parma, Campus Industry Music. Il locale apre tra un'ora e già c'è una discreta fila all'ingresso. C'è gente un po' da tutta Italia, come è normale aspettarsi dall'unica data italiana di un tour con band come Eluveitie e Amaranthe.

Read more ...

To Have The Festival You Need The People

Il bello di essere nati al di là della Barriera1 è non avere bisogno del freddo per sentire che l'Inverno sta arrivando: ci basta mettere Midnattens Widunder  e aspettare gli Estranei.
In quella fascia della Pianura Padana compresa tra l'Insubria e i confini delle Orobie, per anni si sono svolti i maggiori festival Folk Metal al di sopra del Po: il Fosch Fest, il Malpaga Folk, l'Insubria Festival e le varie feste di stampo celtico come Beltane e Strigarium, che volentieri ospitano artisti appartenenti alla scena. L'amore di questa particolare zona per il Folk Metal è provato dalla sua capillarità all'interno di manifestazioni non dedicate, come il Metal For Emergency, che nel corso degli anni non ha mai nascosto la propria simpatia per il genere: Vallorch, Holy Shire, Mägo de Oz... per citarne alcuni.
Quest'anno il MFE ha traslocato al Filagosto Festival, uno dei migliori festival musicali della bergamasca, in uno spazio adeguato all'affluenza che la location di Cenate Sotto non riusciva più a sostenere. I risultati parlano: la partecipazione, secondo gli organizzatori, è stata stimata tra le 5 e le 7mila persone - si mormora anche di cifre più grandi, per sicurezza ci fermiamo qui - ben oltre le previsioni, dando un segnale estremamente positivo per la scena metal del Nord Italia, che sempre più soffre la presenza di festival bene organizzati.

Read more ...

Nell'estate lombarda orfana dell'ormai tradizionale Fosch Fest, ritorna il Malpaga Folk & Metal Fest che compie cinque anni! La rassegna organizzata dal Gruppo Giovani della frazione di Cavernago (BG) con la collaborazione di Richard Milella inizia lasciando il consueto e ampio spazio a band del circuito underground italiano che stavolta sono gli Hercunia, i Calico Jack e gli Ephyra. E in testa al bill del primo giorno appare a sorpresa il primo vero nome internazionale di assoluto rilievo nell'intera storia della kermesse: si tratta dei Týr!

Read more ...

Isola Rock, Day 2

Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2

Latest Events

Isola Rock, Day 2

Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2 Isola Rock, Day 2

Isola Rock 2017, Day 1

Isola Rock 2017, Day 1 Isola Rock 2017, Day 1 Isola Rock 2017, Day 1 Isola Rock 2017, Day 1 Isola Rock 2017, Day 1 Isola Rock 2017, Day 1

Metal for Emergency 2017

Metal for Emergency 2017 Metal for Emergency 2017 Metal for Emergency 2017 Metal for Emergency 2017 Metal for Emergency 2017 Metal for Emergency 2017

Tyr @ Malpaga Folk Fest 2017

Tyr @ Malpaga Folk Fest 2017 Tyr @ Malpaga Folk Fest 2017 Tyr @ Malpaga Folk Fest 2017 Tyr @ Malpaga Folk Fest 2017 Tyr @ Malpaga Folk Fest 2017 Tyr @ Malpaga Folk Fest 2017

Batushka @ Circolo Colony BS

Batushka @ Circolo Colony BS Batushka @ Circolo Colony BS Batushka @ Circolo Colony BS Batushka @ Circolo Colony BS Batushka @ Circolo Colony BS Batushka @ Circolo Colony BS